Teatro Celebrazioni

DEBORA VILLA in Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere

Protagonisti delle scene Salemme, Solenghi – Lopez e tanti altri

Al dutåur di mâttratto da Il Medico dei pazzi di Scarpettaporterà in scena al Teatro Celebrazioni Vito insieme agli attori di Arte e Salute dal 28 dicembre al 6 gennaio (1 e 2 gennaio esclusi). “Abbiamo deciso di tornare insieme a recitare quella splendida commedia che celebra degnamente il 40° anniversario della Legge Basaglia e del nostro impegno nella lotta allo stigma e al pregiudizio verso la malattia mentale» scrive il regista della pièce Nanni Garella. Trascorse le vacanze di Natale, la programmazione del Celebrazioni  va avanti con numerosi altri spettacoli. Il 12 gennaio Raul Cremona, nel suo Festival della Magia, condurrà il pubblico per una sera in un viaggio magico difficile da dimenticare: un tuffo in un mondo antico che non smette mai di incantare e far sognare. Tra manipolazioni, giochi di prestigio, maghi improbabili e artisti del sogno, in scena uno spettacolo per tutta la famiglia che farà iniziare il nuovo anno all’insegna della risata e della poesia. Dal 18 al 20 gennaio Vincenzo Salemme sarà a Bologna con il nuovo Con tutto il cuore, spettacolo che narra la buffa vicenda di un mite insegnante di lettere antiche, che subirà il trapianto del cuore di un criminale, e ci ricorda che in ognuno di noi coesistono tutte le sfumature e tutti i colori dell’animo umano. Dal 25 al 27 gennaio, dopo 15 anni, come due vecchi amici che si ritrovano, Massimo Lopez e Tullio Solenghi tornano insieme sul palco, accompagnati dalla Jazz Company diretta dal M° Gabriele Comeglio. Lo show di cui Lopez e Solenghi sono interpreti ed autori è un mix di imitazioni, scketch, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni con gli spettatori. Le due “vecchie volpi da palcoscenico” si offrono al pubblico con la spassosa ed emozionale empatia che da sempre li contraddistingue. Dopo Caravaggio e Michelangelo, Vittorio Sgarbi torna al Teatro Celebrazioni dal 31 gennaio al 2 febbraio con Leonardo, il terzo capitolo di quest’affascinante percorso nella storia dell’arte. Ad andare in scena non solo i capolavori “Monna Lisa” e l'”Ultima Cena” ma anche la bellezza degli studi che Leonardo intraprese, come quello che lo portò a volare. Leonardo è un altro viaggio realizzato con un minuzioso lavoro delle trame, composte e curate da Doppiosenso, e progettate da Valentino Corvino e Tommaso Arosio che hanno dedicato uno studio alle relazioni profonde tra suono e immagine. L’8 febbraioDebora Villa sarà la protagonista di Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere. La pièce è tratta dal best seller di John Gray, che ha venduto 50 milioni di copie ed è stato tradotto in 40 lingue, e si basa su un pensiero tanto semplice quanto efficace: gli uomini e le donne vengono da due pianeti diversi. Uomini e donne apprenderanno a conoscersi di nuovo «perché – come sostiene Gray – quando si imparano a riconoscere e apprezzare le differenze tra i due sessi, tutto diventa più facile, le incomprensioni svaniscono e i rapporti si rafforzano». Spazio alla danza il 9 febbraio con Kataklò con in scena Play. L’inconfondibile stile visionario della coreografa Giulia Staccioli è al centro della spettacolarità dello show che fu ideato nel 2008 per rappresentare l’Italia alle Olimpiadi della Cultura di Pechino. Lo spettacolo vedrà in scena sette performer che giocano a costruire storie con l’uso non convenzionale di oggetti tramandando attraverso visioni e variazioni cartoline di sport da epoche e luoghi lontani.

Area Download

2018-12-27T17:00:50+00:00Argomento: Teatro Celebrazioni|